“Frontiere nelle Biotecnologie Enzimatiche”
Centro di Ricerca “The Protein Factory” – Varese, via J.H. Dunant 3 – Aula Magna Porati-Granero Mercoledì 18 maggio 2016

Mercoledì 18 maggio alle 14.00 si terrà presso l’Aula Magna Porati‐Granero del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita dell’Università dell’Insubria in via Dunant 3, Varese, la giornata scientifica “Frontiere nelle Biotecnologie Enzimatiche” organizzato da The Protein Factory, il Centro Interuniversitario di biotecnologie proteiche in comune tra il Politecnico di Milano e l’Università degli Studi dell’Insubria.

The Protein FactoryLa “fabbrica delle proteine” nasce nel giugno 2009 come una piattaforma tecnologica in grado di supportare la produzione e la caratterizzazione di proteine note, per ottimizzarne le proprietà e la produzione, e per l’evoluzione di nuove proteine. Il Centro offre il know‐how, l’expertise sperimentale, i materiali biologici e le infrastrutture necessarie per sviluppare progetti di ingegneria proteica e di produzione di proteine ricombinanti. Inoltre, le specifiche e diversificate competenze delle Unità di Ricerca attive nel Centro permettono di affrontare la multidisciplinarietà intrinseca a molti progetti di questo settore.

Questo incontro verrà aperto da una lectio magistralis del dr. Armando De Crinito della Direzione Generale Università, Ricerca e Open Innovation di Regione Lombardia, che tratterà della “produttività” della ricerca. La giornata scientifica verterà sull’impiego biotecnologico degli enzimi valutandone la realtà (gli enzimi sono alla base di molte delle nostre attività quotidiane e di numerosi processi produttivi) e le sfide in diversi ambiti di applicazione: dalle biotecnologie industriali (con particolare riferimento alle bioraffinerie) alla salute umana (come nuove terapie ed approcci diagnostici).

Comunicati Stampa IndexmedicalDopo la presentazione del settore da parte del prof. Loredano Pollegioni, enzimologo dell’Università dell’Insubria, giovani ricercatori dei laboratori afferenti al Centro presenteranno alcuni dei progetti di ricerca incentrati sugli enzimi: ciò permetterà anche ai meno esperti di addentrarsi nel mondo (e nelle meraviglie) delle biotecnologie molecolari.

La giornata scientifica sarà anche l’occasione per la consegna del Premio Giovane Ricercatore 2016 che intende individuare, attraverso la valutazione di un lavoro scientifico nel periodo 2014–2015, il giovane ricercatore più meritevole tra quelli che operano nel Centro di Ricerca. La vincitrice della quarta edizione del Premio è la dr.ssa Elena Rosini, che lo vince per la seconda volta.