Grazie a Innohack è nata un’iniziativa volta a selezionare e realizzare idee nuove e brillanti per la gestione delle patologie croniche

 

Si chiama Innohack la metodologia sviluppata da SDA Bocconi e applicata al mondo della salute in un’iniziativa che ha visto concorrere 41 partecipanti per un totale di 7 progetti;

Ai gruppi concorrenti è stato chiesto di presentare idee innovative per la gestione delle patologie croniche;

Il progetto vincitore, “Diabetes Reality Contest”, ha ricevuto 15mila euro ed entrerà a breve in un programma di fattibilità ed incubazione da parte di Boehringer Ingelheim.

Boehringer Ingelheim e SDA Bocconi School of Management insieme per trasformare l’innovazione in realtà al servizio dei pazienti cronici. Grazie a Innohack – la metodologia sviluppata dalla Scuola per stimolare una sorta di “creatività operativa” – è nata un’iniziativa volta a selezionare e realizzare idee nuove e brillanti per la gestione delle patologie croniche. Partita lo scorso dicembre ha visto concorrere 7 progetti condotti da altrettanti gruppi, per un totale di 41 partecipanti. Tutti impegnati nella gestione di diversi tipi di patologie croniche, uno dei punti più critici del sistema di assistenza socio-sanitaria pubblica.

Selezionati a gennaio tra 20 proposte, i progetti sono stati presentati il 17 marzo presso la sede di SDA Bocconi dopo una fase di validazione attraverso ricerche qualitative e sperimentazioni sul campo. È stato compito del Comitato Scientifico, composto da tre esperti Boehringer Ingelheim, un docente SDA Bocconi e un consulente Deloitte, scegliere il vincitore dell’Innohack: il progetto “Diabetes Reality Contest”. A convincere, la modalità originale proposta per affrontare le difficoltà delle persone affette da diabete e i diversi aspetti della loro quotidianità (assistenza medica, alimentazione, stili di vita). Una sorta di competizione, in un format che segue la giornata tipo di un gruppo di pazienti diabetici e le problematiche correlate. L’obiettivo è sperimentare e “far vincere” le strategie per affrontare con più efficacia la cura e per migliorare la qualità di vita. Nella fase di sperimentazione il progetto ha riscosso un ampio consenso: del campione di pazienti intervistati, più dell’80% seguirebbe senza dubbio il programma e la metà vi parteciperebbe in prima persona.

I criteri di valutazione hanno tenuto conto dell’idea (il grado di innovazione, la coerenza e l’obiettivo da raggiungere, con particolare attenzione alla centralità del paziente), del progetto (efficacia rispetto al problema, varietà di stakeholder coinvolti, tecnologie e strumenti a supporto delle soluzioni proposte, sostenibilità nel medio-lungo termine) e della presentazione (requisiti formali, chiarezza e completezza espositiva).

«In Boehringer Ingelheim abbiamo intrapreso un percorso fondato su un approccio “Value Based” – ha dichiarato Sabine Greulich, Presidente di Boehringer Ingelheim Italia -. Miriamo a promuovere e supportare lo sviluppo di un sistema sanitario migliore e sostenibile; crediamo che il valore emerga attraverso l’innovazione e che qualsiasi progresso sia possibile se basato sulla cooperazione. I nostri principi-guida sono: mettere il paziente al centro, ascoltare gli stakeholder per allineare la nostra offerta alle loro esigenze e investire nella diversità, esplorando e integrando le prospettive dei nostri interlocutori. Il progetto Innohack ingloba tutti questi principi. E oggi ringraziamo i partecipanti per tutti i progetti presentati, attraverso i quali potremo creare valore insieme per i pazienti e per il Sistema sanitario nel suo complesso». Il progetto vincitore, al quale è stata corrisposta una somma di 15mila euro, entrerà a breve in un programma di fattibilità ed incubazione da parte di Boehringer Ingelheim.

Boehringer Ingelheim: Farmaci innovativi per l’uomo e gli animali: per questo è conosciuta, da oltre 130 anni Boehringer Ingelheim, azienda fortemente guidata dalla ricerca. Boehringer Ingelheim, di proprietà familiare, è tra le 20 aziende leader nel settore a livello mondiale. Ogni giorno, circa 50.000 collaboratori creano valore attraverso l’innovazione nelle tre aree di business: farmaci per uso umano, settore veterinario e nella produzione biofarmaceutica conto terzi. Nel 2016, i ricavi delle vendite del gruppo Boehringer Ingelheim ammontavano a circa 15,9 miliardi di euro. L’azienda ha investito più di tre miliardi di euro, pari al 19,6% dell’intero fatturato, in Ricerca e nello Sviluppo. La responsabilità sociale è un elemento innato per Boehringer Ingelheim. A questo proposito, l’azienda è impegnata nel sociale, con progetti come l’iniziativa “Making More Health”. Inoltre, il gruppo Boehringer Ingelheim promuove attivamente il tema della Diversity in azienda, traendo beneficio dalle esperienze e dalle differenti competenze di ciascun collaboratore. La tutela e la sostenibilità ambientale sono al centro di ogni attività aziendale.

Milano, 12 aprile 2018