Università di Siena e Emory University insieme fino al 4 luglio.
Domani 28 maggio la giornata inaugurale

L’Università di Siena porta la ricerca e le relazioni internazionali in numerose aziende del territorio, grazie alla scuola estiva su Chimica e ambiente, che si aprirà domani 28 maggio. Venti studenti americani e italiani, fino al 4 luglio, studieranno sul campo la chimica degli alimenti, dei vini, dei materiali e bio-materiali, e sperimenteranno tecniche avanzate di analisi in campo biotecnologico direttamente in laboratori di avanguardia e nelle aziende.

Quest’anno la summer school “Chemistry for Life and Environment”, giunta alla dodicesima edizione, collabora per lo svolgimento di attività didattiche, esperimenti di laboratorio, osservazioni e visite di istruzione, con le aziende Barone Ricasoli (Gaiole in Chianti, Siena), Sovestro in Poggio (San Gimignano, Siena), Cristallerie ColleVilca (Colle di Val d’Elsa, Siena), le Aziende Màgia (Montalcino, Siena), Casa Orsi (Montalcino), e i centri di ricerca GSK e Toscana Life Science Foundation (TLS, Siena).

Domani dalle ore 10 si terrà la giornata inaugurale della scuola, organizzata dal dipartimento di Biotecnologie chimica e farmacia dall’Ateneo senese in collaborazione con il dipartimento di Chimica della Emory University di Atlanta (Georgia, USA). L’inaugurazione, presso il polo universitario di San Miniato vedrà gli interventi del rettore dell’Ateneo Angelo Riccaboni, del professor Maurizio Taddei, direttore del dipartimento di Biotecnologie chimica e farmacia, del professor Stefano Mangani, direttore della scuola di dottorato in Scienze chimiche, della professoressa Annalisa Santucci, direttore della scuola di dottorato in Biochimica e biologia molecolare, e dei coordinatori e docenti della scuola della Emory University, i professori Matthew Weinschenk e Douglas Moulford. Seguiranno le presentazioni dei gruppi di ricerca dell’Ateneo senese che partecipano alle attività didattiche della scuola.

Per contatti e ulteriori informazioni relative al programma consultare il sito web http://www.dbcf.unisi.it/en/research/cooperation/emoryunisi-2015