A ritirare il riconoscimento “Le Eccellenze dell’Informazione Scientifica e la Centralità del Paziente” il dottor Lucio Buratto, Direttore Scientifico del Centro

Continua il successo della prima Campagna Nazionale di Prevenzione della Maculopatia che, dal 29 gennaio al 23 febbraio scorsi, ha coinvolto in screening gratuiti 424 persone in tutta Italia. Un risultato che ha portato il Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO) di Milano, principale promotore dell’iniziativa, e il suo Direttore Scientifico, il dottor Lucio Buratto, ad aggiudicarsi la seconda edizione del Premio “Le Eccellenze dell’Informazione Scientifica e la Centralità del Paziente”, sezione speciale “Nutraceutici”.

Il principale obiettivo del Premio, promosso da SIFI, azienda farmaceutica operante nel campo oftalmologico, con il Patrocinio della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), è valorizzare i progetti che hanno generato un reale beneficio per la salute dei cittadini e un decisivo progresso verso l’affermazione della centralità del paziente.

La Campagna dedicata alla maculopatia – patologia che colpisce in Italia oltre 800.000 persone – è stata promossa da CAMO in collaborazione con il Dipartimento di Oftalmologia dell’Ospedale San Raffaele e con il patrocinio del Ministero della Salute e della Società Italiana di Oftalmologia (SOI). Ha coinvolto oltre 20 Centri di oculistica, universitari e ospedalieri, con una copertura omogenea su tutto il territorio nazionale. Le equipe mediche messe a disposizione dei pazienti sono state formate da un medico oculista e tre collaboratori (assistenti e tecnici) e dotate delle più sofisticate apparecchiature d’indagine diagnostica disponibili.

«Sono davvero soddisfatto e ringrazio la giuria di questo importante Premio ottenuto dalla nostra Campagna di prevenzione sociale e d’informazione verso i pazienti su una condizione delicata come la maculopatia – ha commentato il dottor Buratto -. Oggi, infatti, il problema della medicina contemporanea è che non vengono eseguiti sufficienti screening di prevenzione che consentano la diagnosi precoce, un trattamento tempestivo delle principali patologie e una conseguente corretta aderenza terapeutica. Tre elementi che portano ad un innalzamento della qualità di vita dei cittadini oltre che a un importante risparmio per il Servizio sanitario nazionale».

Il premio è stato assegnato a CAMO e al dottor Lucio Buratto da una giuria di qualità che ha valutato i progetti d’informazione scientifica segnalati dagli stessi medici attivi sul territorio nazionale. Sono stati, quindi, conferiti i riconoscimenti (1°, 2° e 3° classificato) secondo le seguenti categorie: Eccellenze Informazione Scientifica Digitale, Eccellenze Informazione Scientifica Frontale, Eccellenze Informazione Scientifica Telefonica, Eccellenze Informazione Scientifica Multichannel, Eccellenze Informazione Scientifica Patient Support Program. Oltre ai premi speciali dedicati a: Malattie Rare e Farmaci Orfani, Prevenzione e Vaccini, Nutraceutici.

Milano, 11 luglio 2018