A Milano esperti nazionali ed internazionali discutono del ruolo essenziale dell’idratazione per la salute dell’intero organismo

La varietà la chiave di una corretta idratazione: oltre all’acqua, bevande e cibi ricchi di liquidi per aumentare l’apporto idrico giornaliero

Per il terzo anno consecutivo lo European Hydration Institute (EHI) rinnova il suo impegno in Italia per richiamare l’attenzione sull’importanza di una corretta idratazione, partecipando a “Pianeta Nutrizione & Integrazione” in programma a Rho (Milano) dal 25 al 27 Giugno 2015. In particolare, promuovendo la tavola rotonda “Idratazione e salute”, che ha riunito esperti nazionali ed internazionali per discutere dell’importanza dell’idratazione da vari punti di vista e sottolineare l’importanza di bere non solo acqua, ma anche altre bevande e consumare cibi ricchi di liquidi per assicurare al proprio organismo un corretto apporto idrico giornaliero.

European Hydration Institute (EHI)

Al dibattito hanno partecipato Ron Maughan e Claudio Maffeis, rispettivamente Presidente e Membro del Comitato Scientifico dello European Hydration Institute, Andrea Poli, Presidente di NFI (Nutrition Foundation of Italy) e Michelangelo Giampietro, docente di Dietetica Applicata alle Attività Sportive presso le Scuole di Specializzazione in Medicina dello Sport dell’Università La Sapienza di Roma.

Un’ampia varietà di studi evidenzia il ruolo indispensabile di una corretta idratazione per mantenere in salute il nostro organismo: il nostro corpo ha bisogno di acqua non solo per sopravvivere, ma anche per funzionare adeguatamente. Questo è vero in particolare per alcune categorie maggiormente a rischio di disidratazione, come i bambini, gli anziani o gli sportivi. Tuttavia, c’è una scarsa conoscenza rispetto alle principali fonti di liquidi capaci di assicurare al nostro organismo una corretta idratazione e anche su come bilanciare l’apporto di liquidi per non rischiare effetti negativi sulla salute.

“Secondo una ricerca da noi condotta su circa 2.000 soggetti italiani adulti (studio LIZ) – ha commentato il prof. Andrea Poli – il consumo medio di liquidi da parte della popolazione non raggiunge i 1000 ml/die: una quantità certamente non ottimale. È necessario informare la popolazione che esistono varie strategie che possono contribuire ad aumentare l’apporto di acqua. Un maggiore consumo di frutta e verdura, anche sotto forma di succhi, consente, ad esempio, di avvicinarsi al raggiungimento delle tre porzioni giornaliere suggerite dalle Linee Guida. Inoltre, la disponibilità di diverse bevande aumenta l’apporto di liquidi fino al 50%, in raffronto alla disponibilità della sola acqua.”

“L’idratazione è inoltre particolarmente importante durante lo svolgimento di ogni tipo di attività fisica.” – ha aggiunto il Prof. Ron Maughan dello European Hydration Institute. “La disidratazione è infatti in grado di compromettere la performance motoria, in quanto la mancanza di un apporto bilanciato di liquidi influenza negativamente vari aspetti determinanti il livello della prestazione, come la termoregolazione e la percezione dello sforzo. Idratarsi correttamente è quindi essenziale per avere dei buoni risultati, specialmente se si compie attività sportiva per migliorare il proprio stato di salute o per perdere peso”.

La presenza di EHI tra gli espositori ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che, oltre ad aumentare il rischio di molte malattie, sia fisiche che mentali, la disidratazione può aumentare il rischio di commettere errori al volante. Secondo uno studio inglese riportato da EHI, un automobilista disidratato commette gli stessi errori di chi si mette alla guida in stato di ebbrezza, in quanto un’idratazione inadeguata può provocare sonnolenza, fatica e mal di testa. È quindi ancora più importante idratarsi quando si compiono viaggi lunghi che inducono colpi di sonno e maggiore affaticamento.

Gli esperti si sono inoltre soffermati su due categorie particolarmente a rischio di disidratazione: i bambini e gli sportivi.

“Lo stato di idratazione è particolarmente importante nei bambini e nei ragazzi, sia per ottimizzare la performance intellettiva e motoria, sia per favorire un corretto funzionamento del metabolismo.” – ha affermato il prof. Claudio Maffeis. “Proprio in merito a quest’ultimo, uno studio presentato al Congresso della Società Italiana di Pediatria ha evidenziato una associazione inversa tra idratazione ed eccesso di peso nel bambino prepubere (dai 7 agli 11 anni): in altri termini, lo stato di idratazione è risultato minore nei bambini obesi rispetto ai normopeso. L’idratazione può quindi essere uno strumento utile per limitare l’obesità infantile. ”

Il prof. Michelangelo Giampietro ha invece sottolineato il ruolo essenziale di una corretta idratazione per coloro che svolgono attività fisica: “Idratarsi correttamente prima, durante e dopo lo svolgimento dell’attività fisica – sia bevendo acqua che assumendo alimenti ricchi di acqua – è essenziale per reintegrare i liquidi persi e permettere un corretto bilanciamento dei liquidi.”

Lo EHI nasce in risposta ad un’esigenza espressa durante un confronto con alcuni professionisti del settore, ossia nutrizionisti, scienziati, ONG e giornalisti che si occupano di salute: per quanto tutti consapevoli che l’idratazione sia un tema cruciale per la salute pubblica, è emerso che questo tema non riceve ancora l’attenzione che merita in molti Paesi europei.

Lo EHI, infatti, è anche impegnato, oltre che alla promozione di informazioni e dibatti scientifici sulla corretta idratazione, a finanziare un programma di borse di studio per la ricerca destinate agli studenti universitari. La Fondazione intraprende, inoltre, una serie di revisioni scientifiche per meglio comprendere lo stato delle conoscenze sulle questioni chiave riguardanti l’idratazione e porta avanti ricerche scientifiche e studi sociologici al fine di migliorare la conoscenza dei consumatori sul tema e i comportamenti sull’idratazione.

Per dare accesso al maggior numero di persone possibile alle informazioni e alle conoscenze scientifiche relative all’idratazione, lo EHI ha sviluppato un sito web dedicato http://www.europeanhydrationinstitute.org/it/, disponibile anche in inglese, spagnolo, portoghese e francese.

A “Pianeta Nutrizione & Integrazione” è inoltre possibile registrarsi al sito per ricevere regolarmente email di aggiornamento e notizie ed essere aggiornati sui nuovi progressi scientifici e sul lancio di borse di studio annuali per studenti laureati.

European Hydration Institute (EHI) è stato costituito con l’obiettivo di condividere l’informazione e la comprensione di tutti gli aspetti legati all’idratazione e al suo legame con il benessere e le prestazioni fisiche. L’istituto è stato creato per offrire una fonte di informazione autorevole con l’obiettivo ultimo di contribuire alla corretta idratazione dei cittadini europei. Si avvale della collaborazione di esperti scientifici indipendenti e professionisti della salute e della nutrizione per sviluppare risorse che possano contribuire ad arricchire la comprensione delle problematiche relative all’idratazione presso i tutti i settori della popolazione. 

Milano, 25 giugno 2015